giovedì 17 maggio 2012

NON TOGLIERTI LA GONNA NON TOGLIERTELA PIÙ

Così faceva una canzone di Adriano Celentano poco conosciuta ma che, vista la passione sfegatata di mia mamma per il molleggiato, fa parte del mio repertorio da adolescente in viaggio con la famiglia e le vecchie cassette che la musica che ti capitava ti capitava…
Perché mi piace? Perché da l’idea di leggerezza..è elegante e casual allo stesso tempo, mi fa tornare indietro nel tempo a quando da bambina all’asilo mi buttavo dentro il baule dei vestiti e come una forsennata prendevo tutte le gonne lunghe e me le mettevo su sentendomi molto principessa… Oggi invece le indosso e mi sento un po’ gitana, sempre principessa ma più un’ Esmeralda…
Il mondo maschile non le ama perché non sottolineano le forme ma si sbagliano alla grande: sono estremamente fascinose, fanno viaggiare con la mente e lasciano quell’alone di mistero.
Mica è scritto che solo i capi che ti strizzano, che ci metti ore e ore di preparazione psicologica per far capire al tuo corpo che deve assolutamente entrare dentro quelle minigonne ultra stretch, sono sexy e attirano….
E poi lo dice anche il buon Bennato… “affezionata a quella gonna un po’ lunga”.


2 commenti:

  1. Sono stupende, casual e raffinate...peccato essere un tappo!

    RispondiElimina